17 Mag Francesco A. Russo presenta “Scrivo per dimenticare” a Etna Comics

Lo scrittore Francesco A. Russo ospite a Etna Comics

Siamo tutti supereroi oggi, depressi a volte, e vomitiamo parole perché incapaci di contenere” sono le parole di Francesco A. Russo, contenute all’interno del suo ultimo libro Scrivo per dimenticare, edito da Peruzzo Editoriale. L’innovativo progetto editoriale, con prefazione dello scrittore e giornalista Andrea G. Pinketts e copertina di Giuseppe Veneziano, sarà presentato in occasione di Etna Comics, 8° Festival Internazionale del fumetto e della cultura pop, venerdì 1 giugno, alle ore 16:00.

IL LIBRO
Un volume che rappresenta una sorprendente innovazione nel panorama editoriale, eclettico e originale, che raccoglie scritti definiti “lampi alcolici”, parole intime e pensieri senza filtri. Un discostarsi dagli stereotipi tradizionali dell’editoria, nato dal coraggio e dalla genialità dello scrittore siciliano, che si è potuto avvalere della preziosa collaborazione di Andrea G. Pinketts che ha curato la prefazione, dell’artista Giuseppe Veneziano, protagonista della copertina con l’opera “Il declino del ragno”, e del creativo Lorenzo Guarnera, che ha recitato un ruolo importante con la realizzazione delle illustrazioni e dell’impaginazione.

Mi capita di scrivere per dimenticare quando sono saturo di detriti quotidiani. È un modo per metabolizzare la società contorta con cui inevitabilmente ho a che fare, per far uscire la mia realtà interiore, intrisa di verità, essenza, coerenza a me stesso. A volte gli scritti nascono per caso, senza pianificazione. Questi sono nati mentre sedevo ad un bar, in una serata alcolica che celava un motivo di essere. Ho sfidato l’abilità di congettura e portato i pensieri a spasso senza guinzaglio, li ho lasciati liberi di correre e saltare da un argomento all’altro, vomitando uno scritto per volta senza una logica prestabilita, nessuna pianificazione letteraria e soprattutto senza correzione.

ANDREA G. PINKETTS
Queste le parole incisive e “d’impatto” dell’eclettico Andrea G. Pinketts, volto noto della tv e autore della prefazione: “Quando uno mi legge una sua poesia e mi chiede ‘Ti piace?’, io per educazione rispondo: ’Manco per la minchia’. Ma qui la minchia c’è. Si trasforma in lapilli di lava consenziente. Gli scritti da bar di Francesco A. Russo non mancano di emoglobina ed alcol, sono sicilianamente connaturate al mondo.

Leggi anche
Condividi